Patente digitale per i cittadini virtuosi: cos’è lo smart citizen wallet

Tante le novità nei prossimi anni per la città di Bologna e tra questi la patente digitale per i cittadini virtuosi, ossia lo smart citizen wallet. I cittadini avranno dei riconoscimenti se fanno la raccolta differenziata, se utilizzano i mezzi pubblici, se gestiscono bene l’energia, se non prendono multe e così via: una sorta di “raccolta punti” che consisterà in sconti per aziende come Tper, Hera, attività culturali e altro.

Questa iniziativa fa parte del progetto più ampio citizen wallet, ossia uno sportello digitale su pc e cellulari per i cittadini. Fa sapere il sindaco di Bologna Matteo Lepore, come riporta il Corriere di Bologna:

Ovviamente nessuno sarà costretto a partecipare, chi vuole darà il consenso scaricando e utilizzando un’apposita applicazione, io credo saranno in tanti ad aderire. Vogliamo fargli capire che non sono degli “sfigati” ma che i loro comportamenti vengono premiati

Bologna sostenibile: altri progetti

Oltre al smart citizen wallet, segnaliamo Insieme per una città circolare è lo slogan scelto da Aeroporto di Bologna, Hera e Tper per l’iniziativa presentata lunedì 21 marzo 2022 che dà modo di mettere a valore gli scarti alimentari prodotti in aeroporto per trasformarli in biometano da dare alla mobilità urbana sugli mezzi della flotta a metano Tper.

Le 3 aziende di Bologna hanno dato vita, con una serie di accordi e una filiera tutta locale, ad un’iniziativa di economia circolare che permette di eliminare il consumo di combustibili di origine fossile, usano in alternativa il biometano – carburante 100% rinnovabile.

Questo progetto viene raccontato attraverso una nuova livrea, di colore verde, che da qualche giorno sta facendo la propria comparsa su undici autobus urbani di Tper usati per il collegamento Ospedale Maggiore – Aeroporto della linea 944 e su altre linee urbane, oltre che su un centinaio di pensiline degli autobus del bolognese.

Aeroporto di Bologna e Tper hanno firmato nella giornata del 15 marzo 2022 un protocollo d’intesa della durata di tre anni per lavorare insieme su iniziative indirizzate alla mobilità sostenibile, alla comunicazione ambientale e al welfare aziendale, in coerenza con gli obiettivi definiti dalla Agenda ONU 2030.