Parco del Paleotto

Il parco, che si estende sul versante sinistro della valle del Savena, lambisce per un breve tratto le sponde del torrente. Il nome è legato all’antica casata bolognese dei Paleotti, che a lungo furono proprietari dei terreni. L’aspetto dell’area verde mantiene ancora l’impronta del passato: sentieri che ricalcano vecchie cavedagne separano grandi prati e seminativi, spesso attraversati da filari di alberi da frutto e aceri campestri (un tempo usati come sostegno della vite). Soltanto lungo il corso del Savena e sulle pendici più acclivi crescono lembi di bosco naturale con specie spontanee della bassa collina e altre legate alla secolare presenza dell’uomo. Un prefabbricato nella parte alta del parco, la Casa del Paleotto, è gestito da Selene Centro Studi, che propone attività educative e sportive a sfondo ambientale.

Superficie 21 ettari
Anno di realizzazione 1973