Porta Pazienza a Bologna diventa un food truck: il progetto

Porta Pazienza a Bologna diventa un food truck: il progetto

Una bella novità per i ragazzi della cooperativa la Formica che gestisce la pizzeria Porta Pazienza a Bologna nel quartiere Pilastro: nei mesi scorsi avevano rischiato la chiusura a causa della pandemia e così hanno avuto l’idea di lanciare un crowdfunding per dare vita ad un food truck e diventare itineranti.

“Ci tenevo a ringraziare Nico Acampora, fondatore di Pizza House – ha dichiarato in esclusiva a BolognaToday Michele Ammendola, una delle ‘anime’ della cooperativa – ha rappresentato per me quel pezzetto di coraggio che mancava, lui durante la pandemia, a Cassina de Pecchi, inserendo solo persone affette da autismo, aveva già lanciato un progetto simile, e ringrazio anche Vincenzo che da Lecce si è impegnato veramente tantissimo”.

Tutto è nato grazie ad una telefonata dello stesso Ammendola che cercava un food truck e così si è messo a disposizione Vincenzo Gabrieli, titolare di “Food truck autonegozi“, a Lizzanello (LE). Il primo appuntamento è per martedì 13 luglio a Villa Angeletti nell’ambito della rassegna estiva BologninAlive.

Altre news

Sempre a Bologna, in merito al food, segnaliamo la nascita della crescentina con le lumache, fatta di farina 1 e semola biologiche, inoltre fritta in olio di semi di girasole ad alto contenuto di acido oleico. La ricetta classica delle crescentina è stata modificata grazie ai ragazzi di Indegno – La crescentina 2.0 che hanno proposto ai loro clienti nella sede di via del Pratello una crescentina al sugo di lumache.

“L’idea è nata parlando con un nostro amico – hanno dichiarato, come riporta Il Corriere di Bologna – ragionavamo su quanto fosse difficile reperire le lumache. Ci siamo messi a cercare e abbiamo trovato a due passi da casa questa produzione straordinaria, da lì abbiamo lavorato su un gusto che non avesse scorciatoie, come per tutte le nostre crescentine, leggere ma golose”. Non è chiaro se la crescentina con il sugo di lumache resterà nel menù per tutta l’estate, magari su prenotazione.