Pozzuoli: addio all' ecomostro "Vicienzo a Mare"

Pozzuoli: addio all’ecomostro “Vicienzo a Mare”

Sono iniziate nella mattina di lunedì 7 febbraio le operazioni di abbattimento del manufatto ex “Vicienzo a Mare” sul lungomare di Pozzuoli (Napoli), una struttura abbandonata 40 anni fa al rustico in cemento armato, conosciuta come ecomostro di Pozzuoli. Il tutto era stato creato all’inizio degli anni Ottanta in sostituzione del vecchio ristorante “Vicienz a Mmare”, demolito per i fenomeni del bradisismo nel 1973.

La struttura è stata abbattuta dopo un lunga disputa giudiziale tra comune di Pozzuoli e proprietari sulla liceità dell’autorizzazione edilizia per quanto riguarda il Programma Piu Europa. Al suo posto giardini pubblici con il completamento della passeggiata sul lungomare che collega via Napoli al Rione Terra. Ecco le parole del sindaco Vincenzo Figliolia.

Per la città è un evento storico, da ricordare nel tempo. Dopo anni di battaglie e di controversie burocratico-giudiziarie, giungiamo al tanto atteso epilogo. L’ecomostro finalmente va giù e potremo avere una linea di costa libera e pulita. Noi ci abbiamo creduto fin dal giorno in cui abbiamo inserito il progetto di abbattimento nel Programma PIU Europa e con determinazione siamo giunti alla conclusione più logica che ci poteva essere, nonostante ci fosse chi pensava che l’edificio potesse essere recuperato o rigenerato in chissà quale attività.

Altre news

Oltre all’abbattimento di questo ecomostro, è ripartito il progetto plastica zero con cui Greenpeace insieme ai propri volontari vuole creare una rete di locali che hanno deciso di voler diminuire l’inquinamento da plastica dei nostri mari. Dopo Caffettiamo a Bagnoli e al Vomero, Nam43 in via Costantinopoli e Menhir a Pozzuoli, è entrato nel gruppo O wok di via Duomo 195.

Questo ristorante è entrato a far parte della rete, rendendo pubblico il proprio impegno a non usare prodotti in plastica usa e getta. Ricordiamo che diventare un locale plastica zero significa aderire ai nove punti del manifesto ed eliminare i prodotti di plastica usa e getta più famosi, dai bicchieri di plastica alle cannucce, dai piatti alle bottiglie.