Premio Emas 2020: prestigioso riconoscimento green a Primaprint, l’azienda grafica che ha a cuore l’ambiente

Un’azienda che ha saputo dare rilievo e risalto in ogni forma comunicativa al logo EMAS (Eco-Management and Audit Scheme) ponendolo in posizioni di riguardo, cercando di promuoverne la diffusione e la conoscenza. Si tratta dell’azienda grafica ed editoriale Primaprint che si è aggiudicata il Premio Emas Italia 2020 proprio “per le sue iniziative di uso del logo Emas”.

Il premio, conferito dal Comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit e l’ISPRA nel corso di un evento in streaming cui ha partecipato il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, anche in quest’anno particolarmente difficile ha voluto dare lustro e visibilità alle organizzazioni certificate con questo prestigioso marchio europeo. Tale riconoscimento vuole contribuire alla realizzazione di uno sviluppo economico sostenibile, premiando quelle aziende che meglio interpretano e applicano i principi ispiratori dello schema Emas.

“Abbiamo sempre considerato – ha detto Simonetta Badini, amministratrice di Primaprint ed esperta in tematiche ambientali – la ecosostenibilità parte integrante della nostra road map di crescita. Abbiamo ottenuto la Registrazione Emas nel 2009 quando ancora l’approccio verso la tutela ambientale era molto labile e da allora il binomio Primaprint-Emas è diventato un unicum, soprattutto nella trasposizione del messaggio comunicativo verso l’esterno”.

Testimoniando l’importanza di questo marchio green europeo, il Ministro dell’ambiente Sergio Costa ha annunciato che nella legge di Stabilità, prossima da approvarsi, vi è uno stanziamento di 10 milioni l’anno, 30 nel triennio, proprio “per spingere la certificazione ambientale volontaria”.

Primaprint non è la prima volta che sale sul podio di questo premio: nel 2011 ha ricevuto il premio Emas per il coinvolgimento degli stakeholder ed è stata tra le 4 nomination italiane designate allo European Emas Award di Cracovia.