Progetto “Api e Orti Urbani”. Sintesi dei risultati ottenuti

Il progetto “Api e Orti Urbani” ha inteso sia valorizzare il ruolo dell’ape nei centri cittadini come agente impollinatore delle piante spontanee e coltivate, sia dimostrare le sue performance di bioindicatore ambientale.

Nel corso del 2017, in alcuni orti urbani di Bologna, Milano e Potenza, a cui nel 2018 se ne è aggiunto un altro nella città di Torino, sono stati collocati alcuni alveari che, dall’estate all’autunno, sono stati controllati tramite rilievi, prelievi e analisi di laboratorio per valutare lo stato di salute dell’ambiente circostante. Il conteggio delle api morte, necessario per rilevare eventuali mortalità anomale dovute ad avvelenamenti da pesticidi, è stato eseguito settimanalmente utilizzando le gabbie underbasket, mentre in due momenti dell’anno – estate e autunno – sono stati prelevati campioni di api “bottinatrici” e di miele “giovane” (non “maturo”, e quindi non destinato all’alimentazione) per effettuare analisi finalizzate ad individuare residui di pesticidi e metalli pesanti.

I risultati conseguiti, a causa del limitato numero di postazioni (solo una in ogni città) e di prelievi compiuti (solo due per ogni anno), devono essere considerati dimostrativi delle potenzialità di questo metodo di monitoraggio ambientale. Per questo motivo non è possibile trarre conclusioni definitive ma è possibile fare delle considerazioni a proposito delle due grandi famiglie di contaminanti ricercate: pesticidi e metalli pesanti.

Pesticidi

Durante il periodo dell’indagine, il livello di mortalità delle api non ha mai superato la soglia critica e quindi non è stato necessario procedere all’analisi chimica delle api morte. Invece, l’esame dei residui sui campioni di api “bottinatrici” vive e di miele “giovane”, per individuare eventuali pesticidi a dosi sub-letali per le api, ha messo in evidenza, rispetto agli oltre 400 principi attivi ricercati, solo la presenza di tracce di glifosate a Milano nel 2017 e a Bologna nel 2018.

Metalli pesanti

Nei due anni del progetto “Api e Orti Urbani” di Conapi Mielizia, Legambiente, DipSA – UNIBO condotto a Torino, Milano, Bologna e Potenza, tra i 10 metalli pesanti ricercati, i più riscontrati sono stati cromo, vanadio, nichel e ferro, seguiti da piombo, rame e zinco. In generale, il 38,15% delle determinazioni analitiche mostrava valori più bassi rispetto a quelli di riferimento; mentre il 35,19% mostrava valori superiori. Il 26,67% rimanente si è collocato a un livello intermedio.

In generale Milano e Torino sono risultate più contaminate rispetto a Bologna e Potenza, anche se occorre considerare che in queste due ultime città, a differenza del capoluogo lombardo e quello piemontese, gli orti oggetto dell’indagine erano situati in periferia.

Nel progetto “BeeKaeser”, condotto solo nel 2017 in una ventina di località sparse in tutto il territorio nazionale, sono stati riscontrati alcuni valori di piombo e nichel più elevati della norma anche in piccoli centri cittadini. In ogni caso, nella maggior parte dei casi, i livelli rinvenuti non solo erano inferiori ai valori di riferimento, ma anche al LOQ (Limite di Quantificazione).

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

Comune di Matera e Terna: firmato protocollo per liberare la città dai tralicci

Il Sindaco di Matera, Raffaello De Ruggieri, e l’Amministratore Delegato di Terna, Luigi Ferraris, hanno

Redazione 17-06-2019

Sapienza pensa sostenibile – Roma 17 e 18 giugno Orto Botanico

Lunedì 17 giugno alle 14.30, presso il Museo Orto Botanico, si terrà la prima giornata

Redazione 14-06-2019

I prossimi appuntamenti romani di Urban Experience tra talk e walkabout

A Roma, in sala Rome al MACRO Asilo (Via Nizza 138), giovedì 18 giugno alle

Redazione 13-06-2019

NOVAMONT PARTNER DI “FOOD INITIATIVE” DELLA ELLEN MACARTHUR FOUNDATION

Creare un’economia circolare che ridisegni il sistema alimentare globale nel rispetto del capitale naturale e

Redazione 12-06-2019

HAPPY SEA HAPPY EARTH: iniziativa plastic free al BaubeachR

Saranno quattro piene giornate di impegno e passione quelle che Baubeach®, attraverso l’omonima associazione, ha

Redazione 11-06-2019

EcoTyre e Marevivo: con PFU Zero a Gaeta raccolti oltre 3.200 kg di vecchi pneumatici

PFU Zero sulle coste italiane, la campagna di sensibilizzazione e di raccolta e recupero degli

Redazione 10-06-2019

L’Erbolario al Festival del Verde e del Paesaggio di Roma dal 10 al 12 maggio

Dal 10 al 12 maggio, L’Erbolario parteciperà alla IX edizione del Festival del Verde e

Redazione 09-06-2019

Chiude il Festival dello sviluppo sostenibile 2019: 1059 eventi e decine di mln di persone raggiunte

Si chiude a Roma il Festival dello sviluppo sostenibile 2019. Con 1059 eventi organizzati su

Redazione 07-06-2019