Pubblicati gli indicatori compositi elaborati da ASviS sugli Obiettivi dell’Agenda 2030

Il Portavoce ASviS, Enrico Giovannini: “Malgrado i passi avanti compiuti in alcuni campi, l’Italia resta in una condizione di non sostenibilità economica, sociale e ambientale. Se i partiti non metteranno lo sviluppo sostenibile al centro della legislatura, le condizioni dell’Italia saranno destinate a peggiorare anche in confronto ad altri paesi”.

La misura della sostenibilità dell’Italia non migliora. Ed è necessario che la politica si impegni, con azioni immediate, per portare il Paese su un sentiero di sviluppo sostenibile, dal punto di vista economico, sociale e ambientale. È il messaggio che emerge dall’analisi dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS), che con i suoi 185 aderenti è la più grande rete di organizzazioni della società civile mai creata in Italia, che oggi pubblica i nuovi indicatori compositi (costruiti a partire da oltre 90 indicatori elementari) per descrivere l’andamento dell’Italia rispetto ai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile e consentire, alla vigilia delle elezioni politiche, una valutazione del Paese rispetto agli impegni che ha assunto in sede ONU con la sottoscrizione dell’Agenda 2030[1].

Secondo l’analisi contenuta nel database dell’ASviS http://asvis.it/dati/che comprende gli indicatori compositi e oltre 170 indicatori elementari pubblicati dall’Istat a dicembre 2017[2], tra il 2010 e il 2016 l’Italia mostra segni di miglioramento in sette aree: salute, educazione, uguaglianza di genere, innovazione, modelli sostenibili di produzione e di consumo, lotta al cambiamento climatico, cooperazione internazionale. Per sei aree, invece, la situazione peggiora sensibilmente (povertà, condizione economica e occupazionale, disuguaglianze, acqua e strutture igienico-sanitarie, condizioni delle città, ecosistema terrestre), mentre per i restanti quattro temi la condizione appare sostanzialmente invariata (alimentazione e agricoltura sostenibile, sistema energetico, condizione dei mari e qualità della governance).

Gli indicatori pubblicati sono stati costruiti utilizzando la metodologia AMPI[3], adottata anche dall’Istat per costruire gli indicatori compositi del Benessere Equo e Sostenibile (BES)[4]. In particolare, è stato possibile costruire un indicatore composito per 14 Obiettivi su 17, mentre per i goal 13, 15 e 17 si è scelto di continuare ad utilizzare un singolo indicatore headline. Sia gli indicatori forniti dall’Istat sia gli indicatori compositi sono disponibili nel database ASviS, che contiene anche dati riferiti alle diverse regioni.

Il database e gli indicatori compositi su http://asvis.it/dati/

Altre news dai Punti Sostenibili (Archivio)

Rapporto Eco Media 2018: i risultati il 19 dicembre a Roma

L’ambiente e la sostenibilità fanno notizia? L’appuntamento è per il 19 dicembre, a Roma, presso

Redazione 10-12-2018

MoRA, museo d’arte del riciclo inaugurato a Roma l’8 dicembre

Ad Amsterdam è stato inaugurato in ottobre il Fashion for Good, primo museo dedicato alla

Redazione 10-12-2018

Campus verdi e sostenibili nel mondo, buone pratiche a confronto a Firenze

Firenze capitale internazionale delle università “green”. L’11 e il 12 dicembre l’Ateneo fiorentino ospita il

Redazione 07-12-2018

Finanza Sostenibile per l’economia reale: il ruolo dei Sustainable Development Goals

Gran Premio Sviluppo Sostenibile si rivolge a operatori di banche, assicurazioni e società finanziarie, a

Redazione 07-12-2018

ISPRA: verso l’economia circolare, rapporto rifiuti urbani 2018. Il 10 a Roma

Il Convegno sarà introdotto dal Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e

Redazione 07-12-2018

10 ANNI DI SERR: CONSEGNATE LE PROPOSTE AL MINISTRO COSTA

“Grazie a questa pubblicazione potrò leggere e conoscere ulteriori azioni provenienti dal basso”. Così ha

Redazione 06-12-2018

L’Erbolario: mani e labbra screpolate a causa del grande freddo?

Mani e labbra screpolate a causa del grande freddo? L’Erbolario presenta due nuovi prodotti da tenere

Redazione 05-12-2018

SOIL4LIFE, progetto europeo per la salvaguardia del suolo

Sembrerà banale ricordarlo, ma senza suolo non si mangia. Senza tutela del suolo, si rischia

Redazione 04-12-2018