Cassonetti smart a Roma

Cassonetti smart a Roma per la raccolta differenziata: si apriranno con una tessera

Anche a Roma arrivano i cassonetti smart per la raccolta differenziata. Si tratta di cassonetti che si apriranno solo appoggiando una tessera sul lettore. Così come accade per altre città italiane come Napoli, Firenze, Genova e Bologna, anche nella Capitale sarà tutto smart.

Si parte dal quartiere Africano, con circa un centinaio di cassonetti che verranno sistemati tra viale Libia, viale Eritrea e viale Etiopia. In questo modo anche Roma si allinea alle normative europee per il calcolo della Tari. Inoltre i cittadini romani dovranno fare una raccolta differenziata più accurata.

I cassonetti si apriranno con una tessera magnetica nominale, data a ogni cittadino, come accade con la Carta Smeraldo a Bologna. In questo modo si può multare subito chi non fa la raccolta differenziata e anche stabilire la tassa per i rifiuti comunale (Tari) con certezza. Più immondizia si butta, più si paga.

Cassonetti smart a Roma: quali tipi

Organico, indifferenziato, alluminio, carta e plastica: questi i cassonetti smart a Roma previsti a forma di campana. Nello specifico i contenitori avranno questi colori:

  • Scarti alimentari e organici – colore MARRONE
  • Imballaggi in vetro – colore VERDE
  • Imballaggi in plastica e metallo – colore GIALLO (non più BLU)
  • Carta, cartone e cartoncino – colore BLU (non più BIANCO)
  • Rifiuti indifferenziati – colore GRIGIO

Il vetro andrà messo ugualmente nelle apposite campane di colore verde, direttamente su strada. Ha scritto la consigliera capitolina del PD Cristina Michetelli in un post sulla sua pagina Facebook:

Questi cassonetti, più capienti degli attuali, non potranno essere usati dagli esercenti, ma saranno riservati alle famiglie, che dovranno però rigorosamente rispettare la raccolta differenziata. Saranno evitati il rovistamento tra la spazzatura e la dispersione di odori e si potrà così calcolare la Tari sui rifiuti effettivamente prodotti. Più pulizia e più responsabilità per tutti

Non resta che aspettare le linee guida di AMA in merito ai nuovi cassonetti smart.