Raccolta differenziata Bologna

Raccolta differenziata a Sasso Marconi: arrivano i contenitori nominativi

Il tema della raccolta differenziata sta molto a cuore alla città di Bologna e alla sua provincia, e tante sono le novità messe in campo. Modifiche, in primis, in merito alla raccolta porta a porta per gli abitanti di Sasso Marconi e alla tassa sui rifiuti.

Aggiornamenti anche sulla gestione affidata a Hera, alla coop Giacomo Brodolini e al Consorzio Stabile Ecobi per i prossimi 15 anni.

Gli Enti Locali decidono di rinnovarsi basandosi sul concetto di sostenibilità ma anche i cittadini svolgono un compito importante: basti pensare che lo scorso anno 150 volontari di Plastic Free hanno ripulito alcune aree verdi dalla plastica e da rifiuti ingombranti. Insieme per creare reti e sinergie eco.

Raccolta differenziata a Sasso Marconi: cosa cambia

Tornando alla raccolta differenziata a Sasso Marconi, specifichiamo che cambierà il tipo di contenitori in cui depositare l’indifferenziato e l’organico; saranno nominativi e ogni residente avrà il suo. Ma le novità non terminano qui. Gli abitanti di questo comune potranno conferire anche piccole quantità di rifiuti speciali come l’amianto.

Nei prossimi giorni gli operatori di Hera andranno casa per casa a consegnare i kit ai cittadini. Onde evitare truffe ogni addetto avrà con sé tesserino e foto già segnalate ai carabinieri proprio per evitare che sconosciuti possano spacciarsi per loro. Se si vuole saperne di più sono a disposizione punti informativi in varie zone della città ma sono già partite anche comunicazioni scritte per tutti i cittadini.

Ricordiamo anche che entro ottobre lo spazzino di quartiere arriverà in alcune zone di Bologna ancora non coperte. Da luglio scorso ad oggi, grazie a questa figura, sono stati raccolti circa 450 chilogrammi di rifiuti indifferenziati.