Raccolti 100 PFU in mare: il Consorzio EcoTyre li avvia al corretto recupero

Raccolti 100 PFU in mare: il Consorzio EcoTyre li avvia al corretto recupero

Giovedì 28 ottobre 2021 sono stati avviati al corretto recupero dal Consorzio EcoTyre più di 100 pneumatici, per un totale di 700 chili, raccolti nei fondali di Posillipo dai sommozzatori della Guardia Costiera di Napoli e del Parco Sommerso di Gaiola e dalla cooperativa mitilicoltori di Nisida sui fondali di Coroglio.

Questa operazione è cominciata nei mesi scorsi con la perlustrazione dei fondali dell’Area Marina Protetta di Gaiola in cui, grazie al duro lavoro di monitoraggio e pulizia dell’AMP-Parco Sommerso di Gaiola, sono stati trovati solo pochi pneumatici; poi i sub hanno controllato la parte subito fuori dai confini del Parco, lungo la costa di Posillipo, in cui è stata trovata la maggior parte delle gomme abbandonate.

Sono state poi riunite nei pressi della Gaiola per essere rimosse del tutto. Il Parco Sommerso di Gaiola parallelamente si è interessato di smaltire i pneumatici grazie al supporto del Consorzio EcoTyre.

Le dichiarazioni

“L’operazione odierna costituisce esito di una costante ed attenta attività di monitoraggio svolta al fine di prevenire e, quando necessario, reprimere, condotte in danno dell’ambiente e degli ecosistemi. Una attività che si sviluppa in ambito nazionale e locale con un approccio strategico che beneficia di un patrimonio unico di informazioni e conoscenze che il Corpo ha acquisito in anni di impegno a tutela dei territori. Rappresenta inoltre un ulteriore e virtuoso esempio di ottima sinergia tra Istituzioni, enti ed impresa privata, un plusvalore che rende gli interventi sempre più efficaci e puntuali”, riporta la Capitaneria di Porto di Napoli.

“Questa è un’operazione importante non solo per il valore ambientale, ma anche dall’alto valore simbolico, nata dalla stratta collaborazione tra soggetti diversi. Un’Area marina Protetta non deve guardare solo dentro i suoi confini perché il mare non ha confini e siamo, quindi, contenti di aver dato il nostro piccolo contributo alla pulizia delle aree costiere esterne al Parco. Ringraziamo gli uomini della Guardia Costiera per il loro impegno ma anche il Consorzio EcoTyre che ha permesso di chiudere il cerchio di questa importante operazione”, ha aggiunto Maurizio Simeone, AMP Parco Sommerso di Gaiola.