Riqualificazione Largo Lercaro: ecco come cambia

Riqualificazione Largo Lercaro: ecco come cambia

Belle novità Largo Lercaro, infatti ci sarà la riqualificazione della zona a partire dal mese di marzo. I lavori fanno parte dell’iniziativa relativa all’abbattimento di barriere architettoniche e riqualificazione e messa in sicurezza di aree pedonali nei quartieri di Bologna, con l’obiettivo di garantire una migliore vivibilità e fruibilità del territorio.

Il costo di questo progetto è di circa 550 mila euro totali: le iniziative prevedono l’istituzione di una “zona 30” per il quadrante che va da via Degli Orti a Largo Lercaro (Largo Lercaro, via Gigli, via Romagnoli); inoltre ci sarà l’abbattimento delle barriere architettoniche e demolizione degli elementi che causano intralci lungo le strade. Ci saranno anche lavori per la riqualificazione della rete di raccolta delle acque meteoriche e del rifacimento della pavimentazione dei marciapiedi.

Il concetto di accessibilità negli interventi progettati, si coniuga con quello più complesso di visibilità. Un corretto progetto di rifunzionalizzazione, con l’inserimento di dispositivi per il superamento delle barriere architettoniche, radicato con l’identità dei luoghi, rappresenta l’unica strada possibile per migliorare l’accessibilità dello spazio pubblico

Altre news

A proposito di lavori, oltre a Largo Lercaro, sono stati ufficializzati quelli per il Passante che inizieranno nel 2023: per assicurare il rispetto dei tempi, il concessionario Autostrade per l’Italia potrà dare alcune attività alla controllata Pavimental.

Ci sono due fattori importanti da considerare: la contestuale cantierizzazione di tutte le opere complementari e il grande impegno per la maggior eco-sostenibilità possibile del Passante. Per quanto riguarda il primo ci saranno tutte le arterie di adduzione, mentre per il secondo ci sarà una collaborazione con Aspi e i Comuni per l’impatto ambientale. Fa sapere il sindaco di Bologna Matteo Lepore:

Un lavoro segnato da un pieno spirito di collaborazione e condivisione tra le diverse istituzioni e Autostrade che apre una nuova stagione, risolvendo problemi che da decenni attendono risposte concrete.