Roma cura Roma – Tutta mia la città rimandato al 9 aprile

Roma cura Roma – Tutta mia la città rimandato al 9 aprile

Sarebbe dovuto andare in scena lo scorso 2 aprile Roma cura Roma – Tutta mia la città, grazie alla collaborazione di cittadini, di scuole e di associazioni di quartiere. I cittadini sarebbero dovuti andare tra le strade della Capitale per pulire giardini, sistemare panchine e aiole, togliere manifesti abusivi, raccogliere cartacce e bottigliette. Il tutto è stato rimandato a sabato 9 aprile, visto che lo scorso weekend il maltempo a Roma non ha permesso di far svolgere l’evento.

La giornata, presentata all’Orto Botanico, è organizzata da Roma Capitale in collaborazione con AMA, WWF, Legambiente Lazio, FAI Delegazione Roma, Retake Roma, CSV Lazio, Good Deeds Day. Lo scopo è andare oltre le associazioni già coinvolte, sensibilizzando quanti più cittadini sarà possibile raggiungere e convincendoli a partecipare al progetto, “attraverso azioni diffuse di pulizia e cura del verde”. Fa sapere l’assessora all’Ambiente, Sabrina Alfonsi:

Ci aspettiamo una grande mobilitazione. Ognuno potrà fare la sua parte per Roma

News AMA Roma

Ricordiamo che sono stati approvati i nuovi impianti per la raccolta differenziata e per la lavorazione della frazione organica a Roma. Ci saranno due biodigestori, due impianti multimateriale, e otto nuovi centri di raccolta per un totale di 193 milioni di euro finanziati per la gran parte con risorse del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza). Scrive il sindaco di Roma Roberto Gualtieri con un post sulla sua pagina ufficiale di Facebook:

Senza la costruzione di una moderna rete di impianti green, #Roma non riuscirà mai a definire un’efficace politica di raccolta dei rifiuti condannandosi a rincorrere continue soluzioni tampone, a disperdere risorse pubbliche e a caricare di costi eccessivi i cittadini.

Specifichiamo anche che Ama S.p.A. ha organizzato, in collaborazione con il TGR Lazio, il progetto Il tuo quartiere non è una discarica con postazioni straordinarie, oltre ai Centri di raccolta, per incentivare la raccolta differenziata gratuita di legno, metallo, ingombranti, frigoriferi e condizionatori, grandi elettrodomestici, monitor e TV, apparati elettronici, lampade al neon, batterie al piombo, consumabili da stampa, e in alcuni punti contenitori di vernici e solventi.