Sindaco pedala!

Sindaco pedala!, al via la seconda edizione della challenge per la mobilità sostenibile

Quello della mobilità sostenibile è un tema che sicuramente sta a cuore a molte persone, soprattutto ai sindaci delle città italiane. Per questo motivo prende il via la seconda edizione del progetto Sindaco Pedala!, da una idea di Sottosopra, Agenzia di Comunicazione Bike Friendly in collaborazione con l’Associazione Comuni Virtuosi. Per questo secondo anno si aggiungono con il patrocinio ERSAF – Regione Lombardia, Ente Regionale Per i Servizi Alle Agricolture e Alle Foreste.

Ma di cosa si tratta? Per questa iniziativa i primi cittadini tornano in sella per parlare della mobilità green, incentivando l’utilizzo della bicicletta come modello urbano più sostenibile. Non solo, la challenge è aperta anche agli assessori. Ha dichiarato in merito, Elena Carletti, Presidente dell’associazione:

La nuova mobilità sostenibile si sta espandendo su tutto il territorio nazionale. Sempre più comuni stanno puntando sulle due ruote per proporre un modello urbano più vicino alla salute dei cittadini, alla qualità dell’aria, alla viabilità.

Il crescente numero dei sindaci che stanno sostenendo con determinazione e coraggio l’uso della bicicletta come opportunità evolutiva del territorio che amministrano ci ha spinto a proporre un progetto che può suonare come una sfida. E in effetti lo è.

Sindaco pedala!: come funziona la challenge

Sindaco pedala! prevede la partecipazione di vari sindaci delle città italiane che devono contattare altri comuni virtuosi e pianificare la loro settimana di sfida in bici. Ogni primo cittadino decide quali devono essere i suoi 3 obiettivi da raccontare con foto e video sui suoi canali social, utilizzando l’hashtag #sindacopedala. Tra questi troviamo il bike-to-work, fare shopping in bici, pedonalizzare le aree scolastiche oppure provare un percorso casa-scuola con i più piccoli. Alla fine della settimana il sindaco lancia la sfida a un altro sindaco, come se fosse una staffetta.

I primi 26 comuni ad aver accettato la sfida sono Albairate, Argenta, Bergamo, Biccari (FG), Borgosatollo, Castelfranco Emilia, Cernusco sul Naviglio, Lavis, Lecce, Malegno (BS), Oliveri, Parma, Reggio Emilia, Roccacanavese, Rutigliano, San Costanzo, San Lazzaro di Savena (BO), Sanbellino (RO), Santeramo, Segrate, Sestri Levante (GE), Spilamberto (MO), Tiggiano, Trento, Villaputzu, Vizzolo Predabissi. Ha concluso Alessandro Fede Pellone, residente Ersaf Regione Lombardia:

Aumentare la sostenibilità ambientale del settore trasporti è il tema centrale per compiere la transizione energetica rispettando il traguardo della carbon neutrality al 2050, secondo l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e gli obiettivi dell’Accordo di Parigi sul clima.

Siamo molto soddisfatti di patrocinare un’iniziativa che coniuga sostenibilità risparmio energetico e valorizzazione delle figure politiche più vicine ai cittadini ed ai loro problemi, in linea con le attività e progetti futuri di Ersaf.