SMART COMMUNITY – Metodi per la progettazione creativa delle comunita’, dal design thinking al community toolkit, di Carlo Infante

Tra le decine di proposte raccolte dalla piattaforma web RiavviaItalia che sta svolgendo il ruolo di “volano di idee” per il riavvio del Paese dopo questo devastante reset provocato dall’emergenza Covid-19, ce ne sono alcune che riguardano i metodi di progettazione creativa.
E’ decisivo affrontare un prossimo riavvio del Paese affrontando il tema delle nuove forme di auto-organizzazione, liberando il potenziale partecipativo delle comunità, si tratta quindi di dare forma alla partecipazione (per passare poi alla collaborazione e alla condivisione), in particolare modo nei contesti di smart community.

Ecco uno screening di alcune di queste metodologie rilevate da RiavviaItalia.

D.O.P.O. (Design Oriented Postpandemic Opportunites), una piattaforma multidisciplinare, open source, di ricerca e azione condotta da una trentina di architetti, urbanisti, medici, sociologi, progettisti europei, analisti politici, avvocati e giornalisti, che hanno già avviato il percorso attraverso un primo confronto di idee operative, nella convinzione che le opportunità post-pandemiche possano essere diverse dalle criticità che esistevano prima e che hanno contribuito al diffondersi della pandemia.

CORUSLAB un progetto metodologico teso a costruire un sistema di conoscenza che, a partire da scenari via via sempre più precisi, possa offrire un reale aiuto ai cittadini, ai lavoratori, alle imprese ed istituzioni per un riavvio efficace e sicuro dopo il dramma del coronavirus.

STARBOOST basato su una metodologia che forma talenti per aiutarli a cogliere le opportunità e diventare motore di sviluppo ed innovazione. Questa metodologia prevede di avviare particolari ecosistema formativi per la progettazione di riuso di spazi abbandonati e la rigenerazione urbana.

CANTIEREALTÀ realizza un processo di pedagogia urbana, intesa come sinergia educativa intenzionale, localizzata, itinerante secondo le modalità dell’”apprendimento dappertutto”, diffusa e partecipata nella città. Un punto di avvio congeniale che colloca il processo di ricerca nel pluralismo di comunità.

RURALHACK realizza progetti che tengono insieme l’innovazione sociale con l’agricoltura di qualità per la riattivazione delle comunità rurali in armonia con gli strumenti dell’innovazione digitale, una task-force del programma Societing 4.0 che delinea strategie evolutive.

DESIGN THINKING-INTELLIGENZA CONNETTIVA un esercizio che comporta un riequilibrio corpo-mente, in contesti che sappiano produrre teoria prossima all’azione, coniugando astrazione ed empatia. In tal senso chi governa i processi decisionali dovrà misurarsi sempre più con le comunità che – attraverso Laboratori Esperienziali sul campo, attraversando in esplorazioni radio-nomadi (come quelle di Urban Experience) e conoscendo i territori, raccogliendo la molteplicità dei punti di vista (utilizzando il visual thinking), utilizzando il web – siano in grado di esprimere un’auto-organizzazione che possa rivelarsi operativa anche nella sussidiarietà gestionale dello spazio pubblico.

COMMUNITY TOOLKIT Opera per diverse tipologie di community, unendo le esperienze e sviluppando una metodologia comune per rendere più efficace e replicabile l’attività di community design, economia collaborativa, project management, innovazione territoriale, co-housing sociale.


Visual Thinking di COMMUNITY TOOLKIT