Rosella Sobrero

SOStenibili – Lisbona e le nonne writer, di Rossella Sobrero

A Lisbona l’associazione Lata 65, nata nel 2012, organizza da tempo iniziative per coinvolgere le persone anziane in progetti creativi. L’associazione crede nell’importanza di colmare il divario tra le generazioni promuovendo attività che hanno anche l’obiettivo di superare stereotipi diffusi come quello che la street art è “cosa da giovani”.
Per farlo ha dato vita ad una serie di corsi di street art dedicati ai pensionati che hanno un duplice obiettivo:

  • stimolare la creatività delle persone anziane
  • contrastare il degrado di alcuni quartieri di Lisbona colorando i muri cittadini.

Lisbona

I corsi a Lisbona di Lata 65

Ai corsi di graffiti, organizzati da Lata 65, hanno partecipato oltre 120 persone: la più giovane di 65 anni e la più anziana di 101 anni, nella prevalenza donne. Sono totalmente gratuiti e prevedono due fasi: la prima – teorica – è dedicata alla storia dell’arte urbana e approfondisce il contesto storico dei graffiti e le tecniche di realizzazione, come ad esempio lo stencil, maschera normografica attraverso cui viene spruzzata la vernice spray.
La seconda – pratica – prevede la produzione degli stencil che vengono utilizzati dai partecipanti insieme alle varie tag per realizzare i graffiti. A questo punto i corsisti possono iniziare a colorare i muri in particolare di alcune zone abbandonate della città.

Graffiti

Le nonne diventano street artist

Lata 65, che in portoghese significa bomboletta, ha trasformato molte nonne in street-artist che possono liberamente esprimere la loro creatività. Ma l’iniziativa ha ottenuto anche un secondo risultato: contribuisce a superare il problema della solitudine, un male che sappiamo essere molto diffuso in particolare nelle grandi metropoli.

Lisbona è una città abituata alle contaminazioni artistiche: questo è un ulteriore esempio di come si può innovare coinvolgendo con differenti modalità pubblici diversi. Con risultati davvero inaspettati!

di Rossella Sobrero, Presidente Ferpi e Koinetica

L’ articolo precedente “Barcellona e l’infrastruttura verde