crescita sostenibile

Sostenibilità: le quattro sfide prioritarie per il 2023

Quali sono le prospettive della crescita sostenibile? Le sfide più urgenti, che si stanno affrontando per concretizzare gli impegni per il clima, sono state il tema del convegno Esg Challenge Iren 2023 organizzato a Genova.

Il convegno, promosso da Iren impegnata nei settori dell’energia elettrica e del gas, ma anche nella gestione dei servizi idrici e ambientali, si è svolto attraverso una serie di tavole rotonde con esponenti delle istituzioni, delle imprese, della finanza, della ricerca per fare il punto sulla transizione ecologica. Vediamo allora quali sono le sfide più importante per il 2023, emerse durante Esg Challenge Iren 2023.

Sostenibilità: il convegno Iren, le sfide per il 2023

Durante l’Esg Challenge Iren 2023 gli esperti dei diversi settori presenti hanno fatto luce su quali siano le 12 sfide in linea con l’Agenda 2030 proposte da Iren. In questa sostanziosa lista di obiettivi sono state selezionate le 4 priorità che non possono più attendere e che puntano tutte in un’unica direzione: lo sviluppo responsabile.

Iren, le 4 priorità della crescita sostenibile

  1. Concretizzare gli impegni per il clima;
  2. Agire per accelerare la transizione giusta;
  3. Accrescere la circolarità delle risorse;
  4. Coinvolgere la supply-chain per lo sviluppo sostenibile.

Sono questi i quattro punti chiavi sui quali intervenire nell’immediato. Urgenze strategiche che non possono più attendere se si intende rendere reale uno sviluppo sostenibile del nostro paese nei prossimi anni.

In totale sono dodici le sfide per il futuro prossimo che il Gruppo Iren, con il supporto di ET.Group, considera necessarie nel 2023. Sono un vero e proprio manifesto che sottolinea quanto sia fondamentale il lavoro in sinergia di imprese, istituzioni e ricerca per agire concretamente e rapidamente sulle criticità che riguardano l’ambiente e il clima. Da non sottovalutare anche i problemi legati alle comunità locali e il territorio, che non devono passare in secondo piano ma al contrario stimolare  una nuova cultura condivisa basata sull’innovazione.