Sospensione treni tra Napoli e Torre Annunziata: la situazione dopo un mese

Lo scorso 1 ottobre la circolazione dei treni tra le stazioni di Napoli-San Giovanni-Barra e Torre Annunziata, sulla linea Napoli-Salerno via Nocera Inferiore di Rfi, è sospesa per colpa di un edificio pericolante sui binari in prossimità della sede ferroviaria.

È stato attivato un servizio sostitutivo con autobus nella tratta Napoli San Giovanni Barra – Torre Annunziata – Castellamare di Stabia, così 23 treni regionali sono stati cancellati ed autosostituiti, mentre altri 25 sono stati limitati nel percorso. Questa situazione va avanti da quasi un mese, causando numerosi disagi tra i pendolari.

Come fa sapere Fanpage non è ancora stata però fissata una data sul ripristino della circolazione che potrebbe rimanere in questa situazione fino alla fine del 2021. Sull’edifico sono stati effettuati i rilievi dei vigili del fuoco e della Protezione Civile per capire la stabilità e per valutare un’eventuale messa in sicurezza.

Mobilità a Napoli

Sempre in tema mobilità nella città partenopea lo scorso 8 ottobre c’è stato un nuovo rinvio per la riunione con i tecnici del Ministero dei Trasporti per autorizzare la messa in esercizio dei nuovi treni della linea 1 della metro di Napoli, che ormai si fa aspettare da un anno e mezzo. Dopo l’incendio dello scorso 13 luglio proprio nel corso del collaudo è stato bloccato tutto, nonostante il 6 agosto sia stata poi inaugurata la nuova stazione Duomo.

“Siamo passati ad un altro treno dopo l’incendio – ha dichiarato il direttore di esercizio della linea 1 Vincenzo Orazzo, come riporta Ansa – un episodio accidentale, e porteremo a Roma una documentazione adeguata. Non escludo, però  che possano chiedere il parere di qualche docente universitario o sollecitare qualche piccola integrazione”. Quando arriverà l’ok dal Ministero, dovrà comunque passare un mese prima di vedere il primo treno partire.