pianta fotinia

Verde urbano: la storia a lieto fine della pianta di fotinia rubata

Una storia a lieto fine a tema “cura del verde urbano”, è quella che ha visto protagonista una pianta di fotinia messa a dimora in un angolo di Milano da un illustre sconosciuto, diventato suo malgrado famoso. La piantina è stata poi misteriosamente rubata da qualcuno. Dopo il brutale gesto, i giardinieri del Comune di Milano hanno deciso di ripiantare una nuova fotinia proprio lì nell’aiuola di via Massena angolo via Filarete.

La pianta di fotinia rubata

Un residente del quartiere aveva messo la pianta in quell’angolo, con il doppio scopo di curarla personalmente e arricchire di verde quel punto spoglio per renderlo più gradevole. Un gesto quindi dal quale tutti possono trarre beneficio e che serve a sensibilizzare i cittadini a prendersi cura del luogo in cui si vive. Ecco perché la scelta del Comune di Milano di ripiantare la pianta, vuole essere un messaggio di rispetto verso tutti coloro che nel proprio piccolo, contribuiscono al decoro urbano. Come? Con piccoli ma importanti gesti che aiutano a rendere Milano più bella. Il Comune ha deciso anche di apporre un cartello davanti alla pianta con scritto:

Sono la Photinia Pink Marble, una persona gentile mi aveva piantato e curato. Qualcuno mi ha rubato. Il Comune mi ha rimesso a dimora. Per favore lasciatemi qui, non rubatemi!

La risonanza sui social della storia

La storia della piantina rubata, ha avuto anche molta risonanza sui social grazie alla giornalista Selvaggia Lucarelli che ha raccontato il fatto accaduto; ciò ha permesso così all’Amministrazione di venire a conoscenza di questo evento curioso. Il cartello che il Comune ha deciso di mettere sull’aiuola è rivolto al gentile cittadino anonimo che ha curato questo piccolo angolo di Milano.

Per chi desidera scoprire come prendersi cura degli angoli verdi della città e contribuire così personalmente al decoro urbano, può consultare le pagine del sito del Comune di Milano.