ZTL a Bologna: come cambia la circolazione con contrassegno invalidi

ZTL a Bologna: come cambia la circolazione con contrassegno invalidi

Da martedì 1 febbraio 2022 cambia la ZTL a Bologna: le zone a traffico limitato sono accessibili per le persone con disabilità nella propria città e anche, grazie a una sperimentazione, proprio nel capoluogo emiliano, ma anche a Parma e Forlì. Ovviamente l’intenzione è quella di estendere questa misura in via di sperimentazione a tutta la regione (nello specifico a Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Carpi, Imola, Ravenna, Cesena, Faenza e Rimini).

Grazie alla collaborazione e con il contributo di Regione e Comuni e all’infrastruttura ideata dalla società Lepida ScpA, è necessario essere registrati una sola volta nel proprio Comune di residenza per riuscire poi a spostarsi liberamente anche nelle zone a traffico limitato delle altre città.

Altre news

Dallo scorso 1 gennaio invece è entrata in vigore la ZTL ambientale con una serie di provvedimenti per le persone che hanno Euro 2 diesel e benzina. I proprietari di questo tipo di veicoli non possono più girare in alcuni orari (dalle ore 07:00 alle ore 20:00) e questo vale anche per i residenti. Per questo motivo sono revocati i contrassegni di tipo R (residenti), Pa (posto auto), Ip (interesse pubblico), M (medici), T (temporanei) e accompagnamento scolastico collegati a veicoli Euro 2 (diesel, benzina).

Per tutte le famiglie che vivono in centro con Isee inferiore a 14 mila euro è stato consegnato un contrassegno indipendentemente dalla categoria del mezzo in possesso (previa presentazione dell’attestazione). Nelle Ztl speciali (U – Università, T e San Francesco), nelle quali le limitazioni sono in vigore tutti i giorni, 24 ore su 24, i contrassegni PA collegati a vetture Euro 2 diesel e benzina danno modo di entrare nel proprio posto auto solamente nell’orario dalle 20:00 alle o7:00 (orario in cui l’accesso alla ZTL ambientale è libero).