ZTL Ambientale Torino mappa confini

ZTL Ambientale a Torino, saranno 68 le telecamere attive

Prosegue senza sosta il progetto della nuova ZTL Ambientale a Torino. Il ritorno alle normali condizioni di viabilità dopo l’adozione per quasi quindici giorni delle misure antismog di blocco traffico “arancione” non ha frenato Palazzo Civico. Il Comune guidato da Stefano Lo Russo ha reso noto che saranno 68 le telecamere attive per monitorare i confini della nuova zona a traffico limitato.

Il progetto della ZTL Ambientale a Torino punta a rispondere in maniera strutturale all’emergenza smog che spesso si abbatte sulla città. Diversi gli sforamenti ogni anno, mentre nel solo mese di febbraio è stato attivato il blocco del traffico per semaforo arancione dal 14 al 27 febbraio. Con la nuova zona a traffico limitato cresce l’attenzione per un fenomeno che minaccia la salute degli stessi cittadini torinesi.

ZTL Ambientale a Torino, i confini e funzionamento

La nuova ZTL Ambientale a Torino prosegue il suo iter di approvazione, che una volta terminato porterà a qualche novità per molti torinesi. Partiamo innanzitutto dall’area interessata, che si estenderà per circa 2,7 chilometri e avrà come confini le seguenti vie:

  • Via Tirreno e corso Dante;
  • Corso Massimo D’Azeglio, corso Cairoli e Lungo Po;
  • Corso Novara, corso Tortona e corso Vigevano;
  • Corso Potenza, corso Lecce e corso Trapani.

Le 68 telecamere posizionate lungo i confini della ZTL Ambientale serviranno a monitorare non soltanto gli ingressi, ma potranno essere utilizzate anche eventuali contravvenzioni alle misure antismog di blocco traffico a Torino. Misure che possono essere disattese e per le quali attualmente non è possibile operare controlli a tappeto.

Funzionamento della nuova zona a traffico limitato Ambientale

Contrariamente a quanto accade per la ZTL Centrale, la ZTL Ambientale non avrà un calendario di attivazione fisso, né orari definiti a priori. L’accesso alla zona a traffico limitato verrà regolato dal tipo di misure antismog attive in quel momento.

Di conseguenza avrà limitazioni unicamente strutturali per quanto riguarda le giornate con “semaforo bianco”, mentre l’accesso sarà più ristretto in quelle in cui sarà attivo il blocco traffico a Torino (come quello arancione in vigore dal 14 al 27 febbraio).

Foto: Comune di Torino